Riscaldamento e raffrescamento a pavimento: massimo confort con il minimo dispendio energetico

Filed under: Edilizia e Costruzioni,Impianti |
Raffrescamento a pavimento

Impianto di riscaldamento e raffrescamento a pavimento RDZ

Il sistema di riscaldamento a pavimento è sempre più utilizzate nelle nuove abitazioni ma anche, dove possibile, nelle ristrutturazioni di vecchi fabbricati perchè permette di ottenere diversi vantaggi: massimo confort con il minimo dispendio energetico, spazio per mobili e complementi grazie all’assenza di radiatori e termosifoni a parete.

Negli ultima anni si inizia a scegliere il sistema a pavimento non solo per il riscaldamento delle abitazioni ma anche per il raffrescamento. Il sistema radiante a pavimento, oltre a rappresentare una delle migliori tipologie di impianto di riscaldamento per il periodo invernale si configura come un’ottima soluzione anche per il raffrescamento nei mesi estivi.

Si riesce così, con un solo sistema, invisibile e a basso consumo energetico, a climatizzare la casa in ogni periodo dell’anno, senza dover installazione altri tipi di impianti.

Punti forti della climatizzazione a pavimento sono inoltre la silenziosità, la mancanza di correnti d’aria e movimenti di polvere, tipici dei sistemi di climatizzazione ad aria e il risparmio.

Importante è la scelta dell‘impianto di climatizzazioneche deve essere confortevole e salutare, in grado di offrire alte prestazioni con bassi consumi energetici.

sistema radiante a pavimento

Abitazione con sistema a pavimento

Come funziona il riscaldamento e raffrescamento a pavimento

Il sistema a pavimento di riscaldamento e raffrescamento prevede l’impiego combinato di diversi componenti essenziali che permettono di raggiungere il massimo comfort e cioè:

– il sistema a pavimento che porta l’energia termica agli ambienti, caldo e freddo a seconda delle esigenze e della stagione;

– il sistema di deumidificazione, specifico per impianti radianti, che consente di tenere sotto controllo l’umidità dell’aria evitando i rischi di condensa delle superfici;

– il sistema di termoregolazione che gestisce le temperature dell’acqua, dell’aria e l’umidità degli ambienti per garantire la massima efficienza del sistema.

Un esempio di impianto con sistema radiante a pavimento

Raffrescamento a pavimento
Riportiamo un esempio in cui è stato utilizzato il sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento in un’abitazione di 180 mq.

L’impianto realizzato da RDZ, importante azienda operante nel settore del riscaldamento a pavimento da oltre 20 anni, prevede una gestione indipendente della zona giorno costituita da ingresso, soggiorno, sala da pranzo, cucina e disimpegno e della zona notte, composta  da bagno, studio, due camere, ripostiglio e relativi disimpegni.

Il sistema di riscaldamento a pavimento è costituito:

climatizzare casa

Impianto realizzato da RDZ per una casa di 180mq

– dal sistema a pavimento formato dai pannelli radianti, dalla tubazione in PE-Xc, dai kit di termoregolazione VJ 0-10 Duplex con al loro interno i collettori Control per la distribuzione dei tubi nelle stanze;

– dalla caldaia, ospitata nella centrale termica ;

– dai deumidificatori RNW;

– dal refrigeratore aria – acqua, alloggiato sulla terrazza esterna;

– dal sistema di regolazione elettronica Evo.

Una interfaccia utente posizionata all’ingresso dell’abitazione raccoglie e regola i dati ambiente.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La casa bioclimatica ed il rapporto tra abitazione e clima.
L'architettura e l'ambiente spesso confliggono. Ma proprio dall'ambiente che l'architettura trae i segni del suo compiersi e deve essere in grado di d...
Fondi europei ed edilizia: il nuovo regolamento
Il nuovo regolamento europeo per l’ecoedilizia ha come volontà primaria quella di aumentare il sostegno tra gli stati membri per un ottimale utilizzo ...
Certificazioni e marchi di qualità per l'ediliza
Spesso la qualità dei prodotti per normativa deve essere attestata da un marchio certificatore. Cerchiamo di conoscere alcuni dei principali marchi ut...
Il rendimento energetico degli impianti
L'efficienza impiantistica è fondamentale per il mantenimento di condizioni energetiche ottimali. Cerchiamo di capire quali siano le soluzioni maggior...
Certificazioni energetiche e fonti rinnovabili: un modo per contenere i consumi
L’ultima parte della norma tecnica Uni – Ts 11300. La conclusione di questo importante quadro normativo era attesa ormai da tempo, grazie a questa ult...
Riforma del Condominio: un’attesa lunga 70 anni
Dopo circa 70 anni finalmente è stata approvata dalla Camera la riforma del condominio. Le novità sono molte e vale la pena dare uno sguardo più appro...
Ricostruzione in Abruzzo. Verso il rilancio economico.
Ad Aprile 2009 l’Aquila fu colpita da un sisma di magnitudo 5,9. Ad evento concluso il bilancio definitivo è di 308 vittime, oltre 1500 feriti e oltre...
Obbligo certificazioni energetiche: fine alle autocertificazioni in classe G
Dopo un anno di test al via l’obbligo di certificazioni energetiche per gli edifici sia in affitto che in compravendita. Questa svolta presto avrà i s...