Sanatoria al Catasto. Proroga dei termini per le regolarizzazioni: il Governo è favorevole

Filed under: Architettura,Edilizia e Costruzioni,Lavori |

In prossimità della scadenza fissata per fine 2010 ecco che si presenta l’ennesima proroga. Si tratta infatti di una proroga di un anno, quindi fino al 31 dicembre 2011, per regolarizzare tutti gli immobili non accatastati.

Mozione presentata all’ordine del giorno dal senatore Cosimo Izzo, vicepresidente del Partito delle Libertà, e da approvare al Governo all’interno della legge di Stabilità, passata al Senato in via definitiva lo scorso 7 dicembre.

Aggiornamento catastale

Aggiornamento catastale

Una nota rilasciata dal gruppo del Partito delle Libertà al Senato puntualizza che la legge prevede che l’ufficio, in caso di inottemperanza, definirà una rendita presunta con spese a carico del contribuente oltre ad una sanzione che va da un minimo di 258 euro ad un massimo di 2.066 euro.

I motivi della proroga: tra maltempo e gran quantità di lavoro

Il senatore Izzo prosegue spiegando la necessità di questa proroga fino al 31 dicembre 2011: “inclementi condizioni meteorologiche” e enorme quantità di lavoro per i professionisti incaricati allo svolgimento delle pratiche (che sicuramente non si sarebbero potute smaltire completamente entro i limiti di tempo richiesti), nonché sollecitazioni dai vari ordini professionali e molti cittadini hanno reso necessaria questa proroga.

Ecco i cambiamenti: anagrafe immobiliare integrata dal 1° gennaio e monitoraggio continuo sul territorio

Fino ad approvazione il termine ultimo per comunicare la dichiarazione di aggiornamento al catasto viene fissato al 31 dicembre 2010.

In più L’art. 19 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 modificato poi con la legge di Manovra Finanziaria n. 122 del 30 luglio 2010 prevede l’istituzione dell’Anagrafe Immobiliare Integrata dal 1° gennaio 2011. La gestione sarà affidata all’Agenzia del Territorio; si tratta di una banca dati che avrà il compito di raccogliere i dati di catasto e comuni per individuare chi ha diritti effettivi sugli immobili censiti.

Agenzia del Territorio

Agenzia del Territorio

Il Ministero dell’Economia avrà il compito di regolamentare gli accessi a questo sistema da parte dei singoli Comuni.

Fino a nuova proroga tutti quelli che hanno costruito immobili o ampliato immobili e non hanno provveduto alla registrazione catastale delle modifiche avranno tempo fino a fine anno per risolvere la situazione. Se non verranno presentati gli aggiornamenti in tempo sarà compito dell’Agenzia del Territorio di calcolare le more presunte e di attribuire una rendita presunta dell’immobile.

In più dal 1° gennaio 2011 si attuerà un monitoraggio continuo e costante dell’intero territorio, sia con telerilevamenti che con sopralluoghi direttamente sul luogo.

Il catasto dal 2007 ad oggi: ancora troppe abitazioni fantasma

More da pagare per chi non si adegua

More da pagare per chi non si adegua

L’Agenzia del Territorio informa che tra l’anno 2007 e l’anno 2009 sono state individuate 2 milioni di case fantasma. In più sono stati individuati 800 mila fabbricati senza più i requisiti di ruralità ma ancora censiti, all’attuale, come rurali.

Al 30 settembre di quest’anno, quando l’Agenzia del Territorio ha fissato i termini ultimi per la trasmissione di nuovi accatastamenti e modifiche sull’esistente, le abitazioni non segnalate al catasto, e quindi non regolarizzate, erano 560 mila.

Si attendono ulteriori aggiornamenti nei prossimi giorni sulle proroghe per il prossimo anno, ed eventuali modifiche sulle procedure.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura Industriale: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate
Dagli anni Settanta, con l’avvento dei primi rapporti mondiali sull’ambiente il concetto di sviluppo sostenibile ha cominciato ad influenzare le conce...
Il ciclo di vita di un prodotto edilizio.
Il ciclo di vita di un prodotto consente di valutare gli impatti dovuti alla produzione, alla gestione e alla dismissione di un elemento. Cerchiamo di...
CasaClima Nature: la prima casa in Alto Adige
Una CasaClima vuol dire principalmente risparmio energetico ma non solo. Si ha un risparmio sia economico sia un basso impatto ambientale. Non meno tr...
PIRANESI DAY 2010: menzione per un ostello creato in 100 giorni
Il Piranesi Day 2010 si è concluso con una menzione speciale allo studio Up, uno studio di giovani che ha rifunzionalizzato un vecchio centro commerci...
Edifici multipiano in Legno Lamellare "PRES-LAM"
Ultimamente, anche in Italia, sta facendo leva un nuovo sistema costruttivo ecologico e antisismico, alternativo al ormai comune cemento armato. Qu...
Le trasformazioni del paesaggio urbano e naturale
Il territorio italiano nel corso del secolo scorso ha subito grandi trasformazioni in termini di assetti territoriali. Cerchiamo di capire alcuni aspe...
Tipologie residenziali (edifici a corte, a torre, a schiera, in linea) e microclima
La tipologia edilizia è strettamente correlata con il funzionamento climatico del sistema architettonico a cui si riferisce. Cerchiamo di capire quali...
Un museo per Jean Cocteu
Novembre 2011 è stato un mese importante per la città di Mentone in quanto ha visto l'inaugurazione del nuovo e grande museo dedicato all'artista poli...