Sicurezza nei cantieri: “I Robot ” in edilizia, un futuro non troppo lontano

Filed under: Edilizia e Costruzioni |

Uno dei problemi maggiori da affrontare in ambito edilizio riguarda la sicurezza nei cantieri.

L’utilizzo di macchinari e strumenti di natura pericolosa, possono creare gravi disagi all’intero cronoprogramma del complesso edilizio.

La sicurezza nei cantieri infatti, è una materia delicata, da dover trattare con cura e attenzione in modo da non trovarsi in condizioni particolarmente critiche.

Per garantire sempre maggiore sicurezza, la normativa attuale è fiscale e molto puntuale.

Ma come si sa il cantiere è comunque un luogo pieno di insidie e spesso è luogo di molteplici incidenti tra i lavoratori che costantemente hanno a che fare con lavorazioni e macchinari complessi.

Sicurezza nei cantieri

Il cantiere edile è un luogo dove ogni dettaglio non deve mai essere lasciato al caso

Proprio per questo motivo due professori del Centro Studi e Ricerche ETH di Zurigo (Matthias Kohler e Fabio Gramazio) stanno cercando di superare una nuova frontiera nell’ambito dell’automazione e della robotica industriale.

L’intento è quello di creare dei Robot in grado di rispondere alle esigenze ricercate all’interno del settore edilizio.

Il sistema robotico, attraverso la programmazione, deve consentire di ottenere uno strumento in grado di distinguere l’ambiente, analizzarlo per poi muoversi liberamente svolgendo le normali operazioni del cantiere.

L’esperimento, attualmente, cerca di esaminare l’imprecisione dei lavori in cantiere per poi programmare adeguatamente il robot in modo che comprenda anche i materiali e, soprattutto, proprio come la mente umana, abbia le capacità di adattarsi autonomamente alle condizioni mutevoli di ogni cantiere.

Questo nuovo sistema robotico si chiama DimRobe potrebbe rappresentare il futuro, anche se oggi è ancora in fase di studio e analisi.

sistema robotico

Il Robot DimRob all'azione: abilità e movimento naturale

Attualmente, come si può vedere dalle foto, si tratta di “bracci meccanici”, che hanno la possibilità di girare e muoversi liberamente, raccogliendo, spostando e assemblando con facilità i “diversi pezzi del mosaico”.

Il progetto è stato presentato all’interno della mostra scientifica del 2011 a Zurigo dove i due professori hanno presentato DimRob cercando di mostrare tutte le sue grandi qualità.

 film "I, Robot"

Film "I, Robot"

DimRob è stato messo di fronte al compito di costruire un muro di mattorni architettonicamente complesso. Per riuscire a sviluppare il progetto il robot ha eseguito una scansione 3D dell’area, elaborando poi tutte le informazio in modo da riuscire a creare un perfetto muro senza alcun intoppo relativo allo spazio o all’assemblaggio.

Insomma non ci resta che aspettare e seguire l’avanzamento scientifico perchè forse, in un futuro, magari non troppo lontano, all’interno dei cantieri potremmo vedere una serie di Robot integrare e rendere più sicuro il lavoro degli attuali carpentieri.

Non è che ci stiamo avvicinando sempre di più alla realtà descritta nel film “I, Robot” ? Non ci resta che osservare l’avanzamento tecnologico e sperare che non venga mai superata la soglia tra macchina e uomo.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura Industriale: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate
Dagli anni Settanta, con l’avvento dei primi rapporti mondiali sull’ambiente il concetto di sviluppo sostenibile ha cominciato ad influenzare le conce...
Preliminare di compravendita: Ecco alcune semplici accortezze
Se si acquista il proprio immobile direttamente dall’impresa costruttrice o da un privato è possibile redigere il cosiddetto preliminare di compra...
L'apporto dell'energia solare in un edificio.
L'architettura bioclimatica si occupa di sviluppare sistemi in grado di fare funzionare sinergicamente l'edificio e l'ambiente. L'aspetto relativo all...
Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)
In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, p...
Un modello di edificio per il risparmio energetico: Erica
Erica. Si tratta dell’acronimo di un progetto da poco concluso con la realizzazione di un modello di edificio realizzato con materiali tecnologicament...
Un progetto per tutti senza barriere architettoniche
Normalmente nelle fasi di sviluppo del progetto architettonico si seguono procedure standard per la progettazione degli spazi: ci si attiene dunque pi...
Fonti rinnovabili: il FOTOVOLTAICO
Il fotovoltaico è una tecnologia di produzione energitica da fonti rinnovabili: cerchiamo di capire come funziona e quali caratteristiche presenta.
Il viadotto di Millau di Foster + Partners
Il viadotto di Millau non è solamente un ponte ma è un esempio di architettura molto interessante. Cerchiamo di capirne di più su questo singolare pro...