Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni

Che cos’è il sistema costruttivo a secco?

Da un po’ di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, il sistema costruttivo a secco.

case prefabbricate in legno

esempio di case prefabbricate in legno

Forte distinzione fra i due sistemi costruttivi sta nel fatto che il primo (tradizionale) utilizza i leganti, quali malte, colle, cementi ecc… mentre quello a secco propone delle strutture che vengono assemblate in modo meccanico in cantiere, per stratificazioni.

Il sistema costruttivo a secco consente di costruire soffitti, pareti, contropareti e sotto pavimentazioni utilizzando delle strutture modulari, ma non solo.

Ad oggi vengono costruiti edifici residenziali con questo tipo di sistema costruttivo e vengono garantite le prestazioni certificate in materia di prevenzione incendi, sicurezza, isolamento termico ed acustico.

La prefabbricazione degli elementi costruttivi

Esempio di struttura in acciaio

La realizzazione del progetto quindi avviene a monte, con la scelta del progettista, il quale andrà a decidere i componenti e materiali più adatti e successivamente, attraverso operai specializzati, avverrà in cantiere l’assemblaggio del “sistema meccanico”.

Questo perché il sistema costruttivo a secco si basa sulla prefabbricazione dei componenti. Ogni componente verrà prefabbricato in stabilimento con la massima precisione e con tempi prestabiliti.

Questo tipo di realizzazione consente di poter avere ogni componente già completo di impianti e rivestimenti ed inoltre di poter avere una previsione sia sui costi di messa in posa che sui tempi.

Il progetto realizzato permette di poter mandare in produzione tutti gli elementi e di ottimizzare i tempi di consegna in cantiere. L’ulteriore vantaggio è nei tempi ridotti in quanto non vi saranno più, in cantiere, i periodi di asciugatura degli elementi costruttivi.

Risparmio energetico e sostenibilità ambientale

Il sistema considera a priori il comfort e il consumo di chi abiterà gli edifici; viene posta una maggior attenzione nell’ottimizzare i consumi energetici e a produrre energia da fonti rinnovabili, puntando alla miglior resa degli impianti e dell’isolamento sia termico che acustico.

I consumi energetici sono controllati e calcolabili in ogni loro step e questo consente di poter avere un alto grado di sostenibilità degli edifici costruiti con sistema a secco.

montaggio pannelli interni

Dalla nascita del progetto, ai suoi componenti, all’assemblaggio, utilizzo dell’edificio e sua demolizione, ogni fase è monitorata.

Caratteristiche qualitative del sistema

Aspetti fondamentali che caratterizzano il sistema costruttivo a secco sono:

  • il rispetto dei tempi di consegna dell’edificio,
  • il rispetto dei costi di produzione,
  • la costante ricerca di soluzioni più flessibili ed immediate, in quanto è sempre più difficile reperire manodopera specializzata,
  • assemblabilità dei componenti sia in fase di montaggio che in fase inversa,
  • flessibilità dei componenti per eventuali sostituzioni o cambi di distribuzione (ad esempio degli spazi interni),
  • reversibilità dell’edificio con possibile riciclo dei componenti o riuso dell’opera,
  • completa libertà da parte del progettista nell’affrontare il progetto.

Gli elementi del sistema costruttivo a secco

controsoffitto a secco con alta prestazione termica ed acustica

Gli elementi utilizzati a livello strutturale nel sistema a secco sono l’acciaio e il legno ed a questi si aggiungono tutti quelli che vengono usati per rivestimenti, isolamenti separazioni verticali e finiture, quali ad esempio lastre in gesso rivestito e orditure metalliche in acciaio zincato.

Ovviamente il sistema costruttivo a secco non esclude l’utilizzo di questi elementi abbinati a strutture già esistenti o a tipologie strutturali quali cemento, laterizio ecc…

Il sistema costruttivo a secco pone le basi per un ulteriore evoluzione nel campo della bioedilizia, in una sempre più maggiore attenzione rivolta alla sostenibilità e al risparmio energetico.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Come si riconosce un materiale ecocompatibile?
Materiali per costruire in modo naturale Nel xx secolo l'avanzare della tecnologia ha fatto si che ci si soffermasse maggiormente sulla parola innova...
GIARDINI VERTICALI: case verdi e la natura si riappropria dei suoi spazi
Giardini in verticali  e case verdi ricoperte vegetazione I giardini verticali sono un nuovo concetto di vedere l’orto privato e pubblico. Realizz...
Il bambù: un materiale antico, ecosostenibile ed autorinnovabile
Il bambù è un materiale antico, ecosostenibile e rinnovabile. Tipico e tradizionale in Asia attualmente sta conoscendo un recente sviluppo in altri me...
Aerodinamica degli edifici: brevi considerazioni
Gli effetti del vento sono importanti al fine degli sviluppi progettuali in termini strutturali e di benessere degli ambienti. Cerchiamo di capire bre...
Costruire una villetta ecosostenibile: alcune dritte progettuali
190 metri quadri per costruire una villetta eco sostenibile su un unico livello: Asse della casa collocato a nord-est / sud-ovest, un piano interrato ...
Detrazioni Irpef e risparmio energetico: benefici non solo per l’ambiente.
Scadono i termini ultimi per presentare le schede integrative relative agli interventi di riqualificazione energetica per beneficiare del 55% di detra...
Acquisto della prima casa: gli italiani chiedono sempre meno alle banche
Dalle analisi del broker Mutui.it, che ha analizzato oltre 400.000 domande di mutuo prima casa presentate negli ultimi 3 mesi, è emerso che le somme m...
Terremoto: come comportarsi
La terra continua a tremare e a far paura. Una nuova ondata sismica ha appena coinvolto tutto il nord Italia; la Protezione Civile ha stilato un sempl...