Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni

Che cos’è il sistema costruttivo a secco?

Da un po’ di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, il sistema costruttivo a secco.

case prefabbricate in legno

esempio di case prefabbricate in legno

Forte distinzione fra i due sistemi costruttivi sta nel fatto che il primo (tradizionale) utilizza i leganti, quali malte, colle, cementi ecc… mentre quello a secco propone delle strutture che vengono assemblate in modo meccanico in cantiere, per stratificazioni.

Il sistema costruttivo a secco consente di costruire soffitti, pareti, contropareti e sotto pavimentazioni utilizzando delle strutture modulari, ma non solo.

Ad oggi vengono costruiti edifici residenziali con questo tipo di sistema costruttivo e vengono garantite le prestazioni certificate in materia di prevenzione incendi, sicurezza, isolamento termico ed acustico.

La prefabbricazione degli elementi costruttivi

Esempio di struttura in acciaio

La realizzazione del progetto quindi avviene a monte, con la scelta del progettista, il quale andrà a decidere i componenti e materiali più adatti e successivamente, attraverso operai specializzati, avverrà in cantiere l’assemblaggio del “sistema meccanico”.

Questo perché il sistema costruttivo a secco si basa sulla prefabbricazione dei componenti. Ogni componente verrà prefabbricato in stabilimento con la massima precisione e con tempi prestabiliti.

Questo tipo di realizzazione consente di poter avere ogni componente già completo di impianti e rivestimenti ed inoltre di poter avere una previsione sia sui costi di messa in posa che sui tempi.

Il progetto realizzato permette di poter mandare in produzione tutti gli elementi e di ottimizzare i tempi di consegna in cantiere. L’ulteriore vantaggio è nei tempi ridotti in quanto non vi saranno più, in cantiere, i periodi di asciugatura degli elementi costruttivi.

Risparmio energetico e sostenibilità ambientale

Il sistema considera a priori il comfort e il consumo di chi abiterà gli edifici; viene posta una maggior attenzione nell’ottimizzare i consumi energetici e a produrre energia da fonti rinnovabili, puntando alla miglior resa degli impianti e dell’isolamento sia termico che acustico.

I consumi energetici sono controllati e calcolabili in ogni loro step e questo consente di poter avere un alto grado di sostenibilità degli edifici costruiti con sistema a secco.

montaggio pannelli interni

Dalla nascita del progetto, ai suoi componenti, all’assemblaggio, utilizzo dell’edificio e sua demolizione, ogni fase è monitorata.

Caratteristiche qualitative del sistema

Aspetti fondamentali che caratterizzano il sistema costruttivo a secco sono:

  • il rispetto dei tempi di consegna dell’edificio,
  • il rispetto dei costi di produzione,
  • la costante ricerca di soluzioni più flessibili ed immediate, in quanto è sempre più difficile reperire manodopera specializzata,
  • assemblabilità dei componenti sia in fase di montaggio che in fase inversa,
  • flessibilità dei componenti per eventuali sostituzioni o cambi di distribuzione (ad esempio degli spazi interni),
  • reversibilità dell’edificio con possibile riciclo dei componenti o riuso dell’opera,
  • completa libertà da parte del progettista nell’affrontare il progetto.

Gli elementi del sistema costruttivo a secco

controsoffitto a secco con alta prestazione termica ed acustica

Gli elementi utilizzati a livello strutturale nel sistema a secco sono l’acciaio e il legno ed a questi si aggiungono tutti quelli che vengono usati per rivestimenti, isolamenti separazioni verticali e finiture, quali ad esempio lastre in gesso rivestito e orditure metalliche in acciaio zincato.

Ovviamente il sistema costruttivo a secco non esclude l’utilizzo di questi elementi abbinati a strutture già esistenti o a tipologie strutturali quali cemento, laterizio ecc…

Il sistema costruttivo a secco pone le basi per un ulteriore evoluzione nel campo della bioedilizia, in una sempre più maggiore attenzione rivolta alla sostenibilità e al risparmio energetico.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La qualità degli interventi di recupero edilizio in ambito rurale.
La tutela del paesaggio e gli interventi su fabbricati antichi rappresentano un nodo cruciale nel mantenimento e la valorizzazione del nostro patrimon...
Soluzioni progettuali per l'involucro edilizio.
La scelta dell'involucro rispetto alle diverse istanze di progetto:alcune riflessioni su varie soluzioni progettuali.
Serramenti e vetri: quando la dispersione termica può essere ridotta
La sostituzione dei serramenti e dei vetri sono delle scelta che offrono grandi vantaggi in termini di risparmio energetico. La spesa da affrontar...
Muffa in casa: cause e rimedi
Pareti annerite e macchie che fioriscono in alcuni punti della casa sono elementi da non trascurare, spesso indice di scarso comfort domestico e di un...
I falsi miti sull'eolico sfatati dall'Aper
E’ recente la diatriba tra Sgarbi e Vendola, governatore della regione Puglia che dichiara di produrre un eccesso di energia pari al 70 % in più r...
Una copertura giardino per l'Exhibition Hall Art Gallery a Bonn
La galleria di arte a Bonn nel progetto di Gustav Peichl: architettura plastica e volumi puri.
Edifici in Polietilene Tereftalato (PET): l'esempio di EcoArk
Il PET è un materiale molto utilizzato negli ultimi anni, in quanto si tratta di una struttura plastica che può essere facilmente riciclata e reimmess...
Cos’è la nuda proprietà e quanto conviene
La nuda proprietà di un immobile rappresenta il valore venale di questo, decurtato dell’usofrutto quindi dell’utilizzo del bene vita natural durante. ...