Social Housing e sostenibilità energetica

Filed under: Architettura,Urbanistica |

Il tema della casa a canone sostenibile è certamente delicato e largamente dibattuto in ambiti politici, sociali e culturali.

Le tendenze architettoniche si mostrano predisposte ad accogliere queste richieste attraverso una formulazione specifica denominata social housing, che raccoglie le istanze sociali attraverso una risposta abitativa costituita da un modello inglobatore per il quartiere, che ospita non solo residenza ma servizi integrati per i fruitori.

Social housing o housing sociale

Il termine social housing prende piede nel nostro paese durante le ricostruzioni post-belliche iniziate durante gli anni sessanta e proseguite nei decenni successivi attraverso i programmi Ina-Casa e Gescal. In realtà questi programmi erano finalizzati alla produzione massiccia di abitazioni a fronte di una grande richiesta, con poca propensione agli aspetti qualitativi dell’abitare. Superata dunque questa ondata febbrile di appalti e costruzioni si è approdati nel corso degli ultimi anni alla sperimentazione di comparti abitativi più legati ad aspetti qualitativi e in grado di fornire risposte in termini di abitazioni più raffinate, che si riferiscono ad una clientela più vasta.

Ina-Casa

Un modello di sviluppo residenziale prodotto da Ina-Casa negli anni '50 a Milano.

In relazione a ciò il movimento architettonico si è domandato quali fossero i presupposti e le soluzioni più adatte che conciliassero dunque una effettiva proposta abitativa a canone agevolato con le moderne istanze abitative, legate alla concezione spazio-temporale moderna e contemporanea e alla esigenza di spazi sempre più confortevoli. In aggiunta a ciò è molto importante riconoscere ai comparti periferici un ruolo molto importante nel determinare lo sviluppo delle città, in termini di servizi, qualità della vita e accessibilità.

La vecchia concezione di insediamento residenziale, soprattutto in periferia, identificata come un contenitore inanimato di persone, atto solo a divenire strumento speculativo e incapace di costruire sistemi complessi è in alcuni casi stata messa in forte discussione al fronte di creare nuove soluzioni per l’abitare. I nuovi progetti residenziali dunque devono fornire qualità nel costruito, attraverso una progettazione coerente e qualitativamente elevata e dotarsi di servizi in grado di rendere il quartiere uno spazio vivibile.

L’aspetto architettonico compositivo è integrato dunque nella definizione di nuovi spazi per la socialità: in molti progetti è previsto ad esempio l’individuazione di spazi d’accoglienza per i bambini come gli asili, spazi di fruizione comune interna ed esterna, servizi per la persona e ambiti di riqualificazione urbana come piazze e spazi verdi.

La flessibilità spaziale e il dinamismo di questi apparati architettonici è fondamentale per una ricerca di nuovi spazi che possano rendersi maggiormente fruibili per gli abitanti e che possano rendere queste soluzioni caratterizzanti per coloro che le utilizzano, rompendo quel vecchio modo di costruire periferie in cui la monotonia e l’apatia sociale era ricorrente. Inoltre questi sistemi acquisiscono ulteriore pregio ospitando sistemi di generazione energetica da fonti rinnovabili per rendere sostenibili i nuovi progetti di riqualificazione urbana.

Sostenibilità energetica

housing sociale

Nuovi paradigmi di housing sociale.

Il tema della sostenibilità energetica è fondamentale nell’ottica di uno sviluppo finalmente che sottende una volontà di crescita in linea con le direttive europee e che costituisce i modelli abitativi contemporanei in tutta Europa da anni. Non solo l’installazione di pannelli fotovoltaici, impianti per il solare termico e altre soluzioni analoghe per il miglioramento delle condizioni microclimatiche attraverso sistemi puliti di produzione energetica ma anche attraverso una progettazione mirata ad ospitare spazi verdi e spazi dedicati.

In relazione agli aspetti forse più importanti, quelli di una domanda di spazi abitativi a basso costo, è necessario, da parte delle amministrazioni pubbliche, operare uno sforzo, rinnovando il protagonismo del pubblico al fine di supportare e sostenere questi interventi al fine di soddisfare queste esigenze attraverso l’individuazione di comparti urbani edificabili a basso costo, ricerca di risorse economiche private, ricerca di operatori e soggetti interessati e attivazione di forme gestionali e partnerariati in grado di fornire servizi di accompagnamento e di reinserimento di soggetti nelle reti di coesione sociale.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il radon come inquinante degli ambienti domestici
Il radon è una componente certamente pericolosa degli agenti inquinanti indoor. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e quali rimedi apporre per sfavo...
L'acqua e l'architettura: il recupero ed i sistemi di depurazione
L'acqua è uno degli elementi fondamentali nel mantenimento degli equilibri degli esseri viventi e della natura sul nostro pianeta. Le risorse idrichè ...
La RIDUZIONE dei CONSUMI ENERGETICI di un edificio
Per ridurre i consumi di energia di un edificio è possibile predisporre diversi interventi in grado di migliorare le prestazioni. Vediamo alcuni aspet...
Il nuovo Campus Apple progettato da Norman Foster
Una nuova grande opera architettonica sorgerà grazie a Steve Jobs magnate e mente di Apple. L'ultima grande idea di un genio della tecnologia: si t...
Bellezza ed Efficienza Energetica nel Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building
L'intervento di Mario Cucinella a Pechino è molto interessante per la capacità di relazionarsi con il sistema ambientale presente. Analizziamo con mag...
Una copertura giardino per l'Exhibition Hall Art Gallery a Bonn
La galleria di arte a Bonn nel progetto di Gustav Peichl: architettura plastica e volumi puri.
Dal restauro di una Villa Veneta nasce un favoloso "Relais Gourmand"
Villa Pampado è una Villa Veneta della  fine del XVII secolo, situata ad Oriago di Mira, che fu splendida dimora di Gregorio Barbarigo e di Mons. Fran...
La bellezza del patrimonio italiano. Una proposta di Legge di Legambiente.
Legambiente ha da poco presentato una proposta di legge che mette in primo piano la bellezza come elemento principale del patrimonio italiano. Il pre...