Sportello Unico per l’Edilizia: al via le semplificazioni

Filed under: Edilizia e Costruzioni,In Evidenza,Normativa |

Da pochi giorni sono finalmente vigenti tutte le novità e semplificazioni in merito al Nuovo Sportello Unico per l’Edilizia: un importante snellimento delle procedure in ambito edilizio auspicato ormai dalla maggior parte dei professionisti del settore e sperato anche dai cittadini che spesso si sono scontrati con lunghi e tortuosi iter burocratici in materia di edilizia.

Il Decreto Sviluppo

Bisogna ringraziare la legge di conversione del Decreto Sviluppo (Legge 7 agosto 2012 n.134) entrata in vigore ormai sei mesi fa, solo grazie ad essa nasce un nuovo SUE (Sportello Unico Edilizia): oltre ad un caldeggiato ampliamento delle competenze si prevede un sostanziale snellimento di tutte le procedure legate al rilascio di permessi di costruire e di denuncie di inizio attività (DIA).

La speranza è che a tutti i comuni d’Italia siano bastati sei mesi di prova per adeguarsi e conformarsi completamente ai nuovi adempimenti tutt’ora vigenti.

Sportello Unico per l'Edilizia - al via le modifiche

Sportello Unico per l’Edilizia – al via le modifiche

Cos’è lo Sportello Unico per l’Edilizia e a cosa serve

L’istituzione dello Sportello Unico per l’Edilizia avviene nel 2001 grazie all’articolo 5 del dpr 389/2001, comunemente noto come Testo Unico dell’Edilizia.

Questo nuovo strumento nasce con lo scopo di facilitare i rapporti tra privati, professionisti, imprese e pubbliche amministrazioni, un modo semplice per realizzare tutte quelle pratiche che concernono con l’edilizia.

La novità maggiore è stata quella di accorpare svariate competenze, prima distribuite tra le diverse amministrazioni, in un unico referente al quale rivolgersi per svolgere ogni pratica in ambito residenziale, ma anche commerciale o legata alle attività produttive.

Le nuove competenze dello Sportello Unico per l’Edilizia

Iter più rapido per tecnici e cittadini

Iter più rapido per tecnici e cittadini

Tra le maggiori novità entrate in vigore con la nuova legge c’è un notevole ampliamento di competenze. Sarà infatti compito dello Sportello Unico quello di acquisire preventivamente tutti i pareri, o tutti gli atti d’assenso, utili per intervenire in caso di luoghi soggetti a tutela storica, paesaggistica e architettonica.

Sarà sempre compito dello sportello unico occuparsi di tutti i pareri relativi ai requisiti igienico sanitari utili per la tutela della salute o della pubblica incolumità.

Sarà sempre lo Sportello Unico ad acquisire tutta la normale serie di atti necessari per ottenere il permesso di costruire.

Tra questi elenchiamo: il parere della ASL, il parere dei vigili del fuoco, le autorizzazioni regionali per la costruzione in zone sismiche, tutti gli atti relativi agli interventi da attuare su immobili soggetti a vincoli, tutti i pareri relativi ai vincoli idrogeologici, gli assensi per servitù varie, i nulla osta per le aree naturali protette.

Esistono inoltre altre importanti novità che è bene sottolineare in questa sede. Per esempio le amministrazioni locali, grazie a questa modifica legislativa, al momento del rilascio di titolo abilitativi non dovranno più richiedere atti o documenti già in possesso della pubblica amministrazione, in questo caso dovranno essere direttamente acquisite d’ufficio.

I maggiori beneficiari di queste modifiche saranno senza dubbio i tecnici, questi non saranno infatti più tenuti a presentare tutta una serie di atti e di documentazione, con un effettivo risparmio di tempo.

Anche per quanto riguarda il Permesso di Costruire ci sono sostanziali, ed importanti, miglioramenti. Prima, entro 60 giorni dall’istanza, il responsabile del procedimento era tenuto ad acquisire tramite Sportello Unico, tutti gli atti e i pareri, per poi formulare una successiva proposta di provvedimento.

Permesso di costruire e Denuncia di inizio attività molto più semplici

Permesso di costruire e Denuncia di inizio attività molto più semplici

Grazie alle modifiche apportate dalla legge se entro 60 giorni non sarà arrivata tutta la documentazione necessaria lo Sportello Unico dovrà indire una conferenza dei servizi.

Se le amministrazioni coinvolte non intervengono, ed è tra le loro facoltà, dovranno comunque trasmettere tutta la documentazione richiesta e successivamente concedere anche il titolo richiesto.

Un’ultima novità riguarda la Denuncia di inizio di Attività (D.I.A.). Con l’introduzione di un nuovo comma all’articolo 23 del dpr 380/2001 sarà possibile fornire un’autodichiarazione redatta da un tecnico abilitato al posto di atti o pareri da parte di determinate amministrazioni.

Il tecnico in questione, sotto la sua responsabilità, dovrà asseverare la rispondenza con la normativa e e tutti gli strumenti edilizi ed urbanistici vigenti.

Se esistono vincoli paesaggistici o ambientali, oppure relativi alla difesa o alla pubblica sicurezza non sarà però possibile procedere con l’autocertificazione.

In ultimo sarà possibile inoltrare la D.I.A. tramite raccomandata con avviso di ricevimento, in questo caso si devono però escludere tutti i comuni che già prevedono unicamente l’invio telematico.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La Biennale di architettura 2010 a Venezia: venite con noi a visitarla!
la biennale di architettura a venezia è un appuntamento imperdibile per architetti, studenti designer e curiosi!
GIARDINI VERTICALI: case verdi e la natura si riappropria dei suoi spazi
Giardini in verticali  e case verdi ricoperte vegetazione I giardini verticali sono un nuovo concetto di vedere l’orto privato e pubblico. Realizz...
La casa bioclimatica ed il rapporto tra abitazione e clima.
L'architettura e l'ambiente spesso confliggono. Ma proprio dall'ambiente che l'architettura trae i segni del suo compiersi e deve essere in grado di d...
NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA
Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazi...
Il tetto verde: un prato sulla copertura della casa
Se si vuole progettare a basso impatto ambientale i tetti verdi sono un must. Ovviamente oltre che belli sono anche molto utili. I tetti vegetali migl...
Funzionamento della serra bioclimatica come sistema di comfort abitativo
La serra bioclimatica è una tecnologia passiva per il controllo dei flussi termo igrometrici attraverso l’edificio e serve principalmente per migliora...
Riscaldamento a idrogeno a zero emissioni è già una realtà
Nel 2006, in occasione delle Olimpiadi invernali  a Torino, l'azienda Giacomini ha esposto, all’interno di Casa Italia, un interessante progetto di ca...
Rimuovere l’amianto dalle scuole. Finalmente una realtà nella Regione Piemonte
La dichiarazione ufficiale arriva dal Governatore delle Regione Piemonte Roberto Cota, grazie alla collaborazione tra i vari assessorati coinvolti sar...