Tecnologia e natura nel Dutch Pavillion per l’Expo 2000 ad Hannover

Filed under: Architettura,Architettura Moderna |

Questo edificio fu realizzato per l’Expo 2000 che si è svolto nella città tedesca e costituisce l’immagine e lo sviluppo concreto di una serie di considerazioni svolte dai progettisti sul tema della densità.

Il progetto consiste in un edificio molto particolare che sviluppa il tema del dualismo tra tecnologia e natura, costruendo un sistema integrato in grado di ospitare entrambi.

Vista esterna del padiglione: è possibile notare i sei strati che individuano i diversi sistemi.

Vista esterna del padiglione: è possibile notare i sei strati che individuano i diversi sistemi.

L’edificio si compone essenzialmente di sei strati che rappresentano sei modi di configurazione del paesaggio.

Al piano terra, dunque il primo strato, è proposto il tema del paesaggio di dune che ospita l’ingresso e la sala informazioni; al primo piano possiamo trovare il green house landscape in cui è possibile capire come l’agricoltura spesso sia il filo conduttore tra tecnologia e natura, il pot landscape (paesaggio del contenitore) dove sono presenti grandi vasi che sono destinati a contenere le radici delle piante che si trovano al piano superiore. Successivamente possiamo individuare il forest landscape che è costituito da una foresta, un sistema di verde molto fitto caratterizzato inoltre dalla presenza di alcuni grossi tronchi d’albero;  il rain landscape che ospita un teatrino audiovisivo che è circondato da una parete d’acqua e il polder landscape dove sono posizionate delle piccole turbine eoliche.

Questa stratificazione consente di intraprendere un percorso molto interessante che sviluppa la tematica del rapporto tra naturale e artificiale in maniera sorprendente. Questo è la metafora della crescita urbana, fatta di compattezza e densità, in cui si stratificano una serie di pattern che realizzano il disegno urbano finale.

Modellino di studio del dutch pavillion.

Modellino di studio del dutch pavillion.

Con questa opera MVRDV portano una propria opera all’attenzione della critica internazionale attraverso un sapiente uso degli strumenti architettonici e un’idea fortemente innovativa, frutto di una riflessione profonda sul tema dei sistemi urbani e del paesaggio, portando alla luce una sintesi e un intreccio molto interessante tra essi.

“L’opera non ha costituito solo una celebrazione del modo in cui l’Olanda “crea lo spazio”, ha rappresentato anche una indicazione dell’importanza dell’architettura del paesaggio, che è stato il tema più importante del dibattito negli anni recenti. Il padiglione è l’intelligente rielaborazione di un’invenzione tipologica portata avanti da OMA negli anni ottanta, ma senza raggiungere ulteriori sbocchi applicativi. La combinazione di un coacervo di programmi e di tipologie costruttive da innestare nel paesaggio è stata una delle icone dell’architettura olandese e della organizzazione del territorio”.

Tratto da: Anne Hoogewoning, Roemer van Toorn, Piet Vollaard, Arthur Wortmann (A cura di), Architecture in the Netherlands,  NAi Publishers, Rotterdam 2001, p. 145.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Le murature storiche in pietra: manodopera e modalità di esecuzione.
La speculazione in edilizia ha cancellato secoli di sapiente maestria nella lavorazione della pietra, vediamo come si doveva costruire un muro in piet...
Architettura bioclimatica nel mediterraneo: le torri del vento, il patio, la corte, la cupola
Aspetti e caratteristiche di alcune tipologie architettoniche relative all'area del mediterraneo che si caratterizzano per particolari soluzioni biocl...
La casa prefabbricata: nuove soluzioni confortevoli e belle
Quanti di noi hanno trascorso, e trascorrono tuttora, giorni e giorni a sovrapporre mattoncini lego, per raggiungere forme architettoniche o meccanich...
Un Grattacielo di legno a Milano
La ricerca nel settore della bioarchitettura è sempre in movimento ed è costantemente alla ricerca di nuove soluzioni nei confronti dell'edilizia e de...
SANAA architects: Museo di Arte Contemporanea del XXI secolo, Kanazawa, Giappone.
Questo progetto è molto interessante perchè definisce un particolare modo di declinare l'architettura museale. Cerchiamo di capirne di più attraverso ...
La galleria Henze e Ketterer di Gigon/Guyer
Un esempio interessante di galleria d'arte multifunzionale: la galleria Henze e Ketterer.
Il Tokyo International Forum di Rafael Vinoly
L'International Forum di Tokyo rappresenta uno degli interventi più importanti sviluppati nella capitale nipponica. Cerchiamo di capire le caratterist...
Un edificio a torre elicoidale: DNA Tower
Franzina + Partners Architettura, studio con sede a Padova e New York ha progettato questo edificio a torre  elicoidale costituito da 39 piani per  un...