Il tetto verde: un prato sulla copertura della casa

Lo sapevate che collocare un prato sulla copertura della casa oltre a migliorarne la coibentazione aiuta anche il risparmio energetico?

Tetto verde estensivo

Tetto verde estensivo

Il tetto verde nei paesi del Nord Europa può vantare una tradizione molto lunga. In questi paesi le condizioni climatiche prevedono inverni molto lunghi, freddi e ventosi, questa soluzione risulta ottimale. Col passare del tempo tale soluzione sta prendendo piede anche altrove, e anche nel nostro paese, dove cominciamo a vederla soprattutto al nord.

Se si vuole progettare a basso impatto ambientale i tetti verdi sono un must. Ovviamente oltre che belli sono anche molto utili.

I tetti vegetali migliorano sì l’estetica ma anche, e soprattutto, le prestazioni energetiche: il tetto è maggiormente isolato, protetto da neve e gelo. In più grazie al depositarsi dell’acqua piovana nel terriccio e al suo evaporare poco alla volta si rallenta il surriscaldamento degli spazi interni, è efficace come barriera contro il rumore e riequilibra la quantità di umidità nell’aria.

C’è da sottolineare l’enorme utilità del tetto verde come barriera contro l’inquinamento atmosferico: filtra le polveri e trattiene le sostanze nocive presenti nell’aria.

Tetti verdi per tutti

I tetti verdi di tipo estensivo (non calpestabili)

Non si deve pensare che si può optare per la soluzione del tetto verde solo in caso di nuova costruzione. E’ infatti possibile costruirne anche su coperture già esistenti, piane e inclinate. E’ sufficiente verificare cheil tetto sia abbastanza robusto da sopportarne il peso.

I tetti verdi sono principalmente di tipo estensivo; si tratta di tetti non calpestabili se non per interventi di tipo manutentivo.

La manutenzione è comunque molto ridotta perché si usano preferibilmente specie di erbe perenni autosufficienti in tutto e per tutto capaci di vivere di acqua piovana, resistere ad una siccità prolungata e di rigenerarsi alla luce del sole.

Giardino verticale - Museo del Quai Branly - Parigi

Giardino verticale - Museo del Quai Branly - Parigi

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche di tale soluzione di tipo estensivo si avrà uno spessore di terriccio ridotto, dai 7 ai 15 centimetri, e peso relativamente ridotto che si aggira indicativamente dagli 82 ai 115 kg al metro quadro. Per quanto riguarda le caratteristiche della pendenza è meglio se non è troppo elevata, se invece superasse determinati valori sarebbe necessaria una progettazione particolare in grado di trattenere il terriccio.

Se invece la copertura in questione non può essere utilizzata per la realizzazione di un tetto verde si potrà ipotizzare di realizzare del verde verticale.

I vantaggi energetici sono analoghi alla realizzazione di un tetto verde. Per realizzarlo  si usano dei moduli dotati di vasche di contenimento dove alloggiare le piante, collocate ad una decina di centimetri dalla parete per garantirne la ventilazione naturale.

Il tetto verde di tipo intensivo: un vero e proprio giardino

Tetto verde intensivo

Tetto verde intensivo

Esiste inoltre un altro tipo di copertura utilizzata per trasformare spazi che in altra maniera rimarrebbero inutilizzati.

Si tratta del verde intensivo leggero. Questa soluzione viene presentata come un vero giardino dotato di tutto: erba, piante, alberi.

Questa soluzione è più pesante del verde estensivo ed è pensata per una copertura residenziale di tipo limitato.  I vantaggi di questa soluzione sono comparabili con quelli del verde estensivo, la differenza maggiore è rilevabile nella manutenzione, di sicuro più impegnativa.

I giardini pensili, essendo dei veri e propri giardini, necessitano di manutenzione costante.

Anche i costi sono nettamente differenti rispetto all’altra soluzione; il verde intensivo è più caro sia per quanto riguarda la realizzazione che il mantenimento.

Ad influire sui costi di questa soluzione c’ è anche lo spessore del substrato. Si potrà andare da circa 100-200 euro al metro quadro per il verde estensivo collocato in orizzontale ai 500 euro al metro quadro per quello collocato in verticale.  Quest’ultimo infatti necessita di sistemi di irrigazione e strutture di mantenimento molto complesse, per tale ragione una soluzione di questo tipo è in assoluto la più cara.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA
Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazi...
Tipologie residenziali (edifici a corte, a torre, a schiera, in linea) e microclima
La tipologia edilizia è strettamente correlata con il funzionamento climatico del sistema architettonico a cui si riferisce. Cerchiamo di capire quali...
CERTIFICAZIONE ENERGETICA degli edifici: strumenti e procedure
Una modalità di analisi e di intervento efficace per la verifica sull'efficienza globale di un edificio è certamente la diagnosi dal punto di vista en...
Il nuovo Campus Apple progettato da Norman Foster
Una nuova grande opera architettonica sorgerà grazie a Steve Jobs magnate e mente di Apple. L'ultima grande idea di un genio della tecnologia: si t...
I materiali da costruzione nell'edilizia storica
I materiali nell'edilizia storica sono un elemento fondamentale sia a livello costitutivo del manufatto sia in funzione del loro valore storico-artist...
La garanzia della fideiussione per gli acquisti immobiliari su carta
Capita sovente di trovare in città e nelle nuove zone di espansione dei centri extraurbani cartelloni pubblicitari che mostrano rendering o fotoinseri...
Tempo di crisi? Cambio destinazione d'uso e vendo più facilmente
Siamo in tempo di crisi e questo è un dato innegabile, ma come si comportano gli italiani in questo periodo? Secondo quanto emerso da un'analisi ef...
Opere di edilizia abitativa in Piemonte
Sono stati da poco firmati da Guido Cavallara, Vice Presidente della Regione Piemonte ed assessore all'Urbanistica e all'Edilizia, otto protocolli d'i...