Villa VPRO a Hilversum, Olanda.

Filed under: Architettura,Architettura Moderna |

La villa Vpro a Hilversum, Olanda, è la sede di una emittente televisiva pubblica.

Si tratta di una area caratterizzata dalla presenza di un piccolo specchio d’acqua, boschi e brughiere.

Il piano prevedeva misure restrittive in termini di sviluppo volumetrico e di altezza. La soluzione maturata è un edificio molto compatto che segue l’andamento imposto dal terreno per limitare l’impatto ambientale.

Lo spazio interno: un grande open space

spazio interno: un grande open space

Lo spazio interno è un grande open space

Lo spazio interno è organizzato in maniera molto particolare: è concepito come un grande open space attraversato da numerosi percorsi fatti di dossi, scivoli, scale e tribune.

Gli spazi hanno configurazioni volumetriche differenti e gli spazi centrali, in cui sono localizzate le zone di lavoro, sono illuminate attraverso pozzi di luce.

L’esterno: copertura verde e tagli in facciata

Il terreno sottratto per la realizzazione della costruzione è stato riportato in copertura, attraverso la concezione di una copertura verde.

La continuità visiva con l’esterno è un elemento molto caratterizzante del progetto così come la facciata dell’edificio tagliata in modo tale da mostrare parte degli spazi interni.

copertura verde

Vista della facciata esterna.

Aroon Betsky a proposito afferma: “[…] la miriade di possibilità combinatorie degli elementi abitativi li ha guidati a proporre un puzzle di interni gradonati, che si intersecano, creando in tale insieme un ambiente abitabile, compatto e con infinite possibilità di trasformazione. Era una strategia che più tardi essi hanno sperimentato nel progetto del 1995 per Villa VPRO. Una struttura che era come una “scatola affamata”, volta ad inghiottire gli elementi di differenti programmi in un unico volume rettangolare. In combinazione, questi due approcci, hanno prodotto edifici senza inizio né fine, senza gerarchie, e senza ambiti distinti. L’atto concettuale di unire tutti gli elementi del programma, l’organizzazione di queste parti insieme il più strettamente e distintamente possibile, e la realizzazione di una struttura con il minor numero di elementi per alloggiare questi pezzi è diventato il marchio ufficiale delle loro numerose realizzazioni”.

Tratto da Aaron Betsky, MVRDV: The Matrix Project, in Veronique Patteeuw (a cura di),op. cit., p. 19.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il radon come inquinante degli ambienti domestici
Il radon è una componente certamente pericolosa degli agenti inquinanti indoor. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e quali rimedi apporre per sfavo...
Il recupero migliorativo dei sottotetti: soluzioni praticabili
Per sottotetto si indica un ambiente, spesso non abitabile, compreso tra l’ultimo solaio e la copertura. Si tratta di un’intercapedine isolante che ai...
Feng Shui e architettura
Il feng shui è un concetto cinese legato alla costruzione e al mantenimento di equilibri spaziali ed energetici. Il progetto di architettura può esser...
Energie rinnovabili: le CALDAIE a BIOMASSA
Le biomasse rappresentano un notevole investimento per la produzione energetica pulita: cerchiamo di capire il funzionamento di questa tecnologia e le...
Livinghome model home: esempio di progettazione sostenibile
Il progetto di Livinghome realizzato in California si presenta con ambizioni importanti per realizzare obiettivi concreti in termini di sostenibilità ...
Bellezza ed Efficienza Energetica nel Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building
L'intervento di Mario Cucinella a Pechino è molto interessante per la capacità di relazionarsi con il sistema ambientale presente. Analizziamo con mag...
Torre Agbar a Barcellona
La torre Agbar di Nouvel è uno degli edifici contemporanei più riconoscibili della città di Barcellona. Cerchiamo di capire le caratteristiche dell'in...
Un edificio a torre elicoidale: DNA Tower
Franzina + Partners Architettura, studio con sede a Padova e New York ha progettato questo edificio a torre  elicoidale costituito da 39 piani per  un...